Dry Eye

Diverse persone soffrono di un fastidioso problema denominato "occhio secco ".
Il fastidio proviene da diverse cause e scatena sintomi come la sensazione di avere delal sabbia negli occhi, accompagnata da arrossamento e bruciore.
Si tratta di una condizione di disturbo visivo detto anche dry eye, molto frequente per:
  • lavoratori al videoterminale
  • donne in menopausa
  • soggetti che soffrono di malattie autoimmuni come malattie reumatiche o del connettivo
  • soggetti che soffrono di acne rosacea o di blefarite

La presenza di un occhio secco spesso ha richiesto una terapia che viene proposta come quella con sostituti delle lacrime.
Delle "lacrime artificiali" da utilizzare più volte al giorno o, in alternativa, dei gel da adoperare per la notte - in molti soggetti è nella fase notturna che avviene una maggior riduzione della produzione lacrimale.

Ad oggi è disponibile una nuova metodica per l'occhio secco, basata sull'utilizzo dell'ossigeno iperbarico che viene utilizzato per migliorare la situazione .

Tale trattamento per l'occhio secco non presenta controindicazioni ed è stato presentato al Congresso Nazionale della Societa Oftalmologica Italiana (SOI).
L'apparecchiatura è formata dal dispositivo X2 (presente presso il mio studio oculistico a Macerata), prodotto dalla EXEA di Bologna.

Servizi oculistici

Presso lo studio del medico oculista Zappelli, si eseguono diagnosi per:

  • Valutazione vizi di refrazione
  • Diagnostica del Glaucoma - Macula - Retina
  • Visite oculistiche per bambini
  • Diagnosi e interventi per la Cataratta